Riso Venere Fave, Ricotta e Pomodorini

Questa ricetta ha già il sapore dell’estate, dei pomodori ciliegino, della ricotta. Buona sia da mangiare appena cotta, ma ancora più buona se lasciata raffreddare e gustata fredda.

Facile da cucinare, come sempre, ma ricca di sapore. Iniziamo!

INGREDIENTI

  • 250-320g Riso Venere
  • 180g Fave sgusciate (circa 500g da pulire)
  • 200g Pomodorini
  • 150g Ricotta
  • Olio EVO
  • Sale

Fai bollire una pentola d’acqua salata, versa il riso e fallo cuocere per il tempo indicato nella confezione, circa 35 minuti.

Sguscia le fave, lavale e falle cuocere 10 minuti in una padella sul fuoco con un cucchiaio d’olio. Spegni il fuoco, falle raffreddare qualche minuto poi togli la pellicina dura esterna.

TIPS: Se cuoci le fave prima di sgranarle, sarà molto più facile togliere la pellicina. Al contrario è un’operazione che richiede più tempo se le fave sono ancora crude.

Lava i pomodori e tagliali a fettine, mettili sul fuoco (nella stessa padella dove hai cotto le fave, sporchiamo il meno necessario!) insieme alle fave sgranate e fai cuocere altri 5 minuti, se necessario aggiungi ancora un filo d’olio. Dopo i 5 minuti aggiungi la ricotta, un pizzico di sale e un mestolo scarso di acqua calda (valuta se usare quella del riso Venere perchè, anche se l’acqua di cottura è sempre migliore da utilizzare poichè ricca di amido, se il riso è di buona qualità lascerà l’acqua molto sporca e rischi di far diventare il sugo “nero”) e cuoci ancora per ulteriori 10 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Scola il riso nella pentola e fai saltare a fuoco alto per un paio di minuti.

Il tuo riso Venere al sapore d’estate è pronto!

Ricordati che puoi servirlo caldo o aspettare che si raffreddi, oppure mangiarlo caldo appena cotto e tenere gli avanzi per il pranzo del giorno dopo (magari una schiscetta?) vedrai che sarà buonissimo in entrambi i modi 🙂

Ti è piaciuta la ricetta? Seguimi su Instagram @ecca_foodetails

More from Erica Foodetails

4 Pastifici per Carb-Lovers a Torino

Come salutarci prima della parentesi estiva? Con un nuovo articolo della serie...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *